Via Cento 240 - San Matteo della Decima - 40010 (BO)

Mail: info@marefosca.it - Cell. 335 65.64.66.4

    • Home
    • Home
    • Dicembre 2020 – Esposizione della nativià dello scultore Luciano Nenzioni

Dicembre 2020 – Esposizione della nativià dello scultore Luciano Nenzioni



L’associazione Culturale Marefosca, la Parrocchia di San Matteo della Decima con il patrocinio del Comune di San Giovani in Persiceto presentano:
Esposizoine della natività dello scultore Luciano Nenzioni
20 dicembre 2020 – 7 gennaio 2021 • c/o Chiesolino Via Cento, 259 | San matteo della Decima

————-
Nel Natale 2020 la capanna che ha dato riparo a Maria e Giuseppe è il  Chiesolino di Decima.
Per il Bambino, e per tutti noi, questo è il segno della presenza materna di Maria “Rifugio dei peccatori e Aiuto dei cristiani” con l’augurio a  Decima di essere sempre più una comunità unita e solidale.

Marefosca ringrazia il parroco della chiesa dei Santi Bartolomeo e Gaetano in Bologna per la gen-tile concessione dell’opera
————-
Clicca qui e scarica la cartolina dell’evento »

Luciano Nenzioni (1916-2008)
Luciano Nenzioni nacque a Bologna nel 1916.
Con la sua arte fu sempre impegnato alla costante ricerca estetica, alla stilizzazione della natura, sino ad arrivare al suo estremo simbolismo. Tenne la sua prima perso-nale nel 1956, a Bologna, ma è dal 1970 che si diede all’arte con impegno previle-giando figure di guerrieri, giullari, dame, cavalieri, cavalli e altri eleganti animali.
A questo filone Nenzioni accostò quello religioso con cristi dolenti, vie crucis, ma-donne e presepi. Un’attività che svolgeva per la propria soddisfazione personale più che per il mercato. Sebbene abbia esposto in varie città italiane, e che le sue opere si trovino in molte collezioni private, in enti pubblici e religiosi, non ha mai cercato il grande pubblico ma i pochi sinceri cultori dell’arte.
Spesso i suoi dipinti, e le sue sculture, venivano creati utilizzando materiali per l’edi-lizia, trattati con collanti e resine, con originalità e freschezza.
I suoi lavori non nascondano la costante ricerca, post-informale, di un lirismo este-tico. Affermava: “Mi piace pensare ai miei lavori come nati nel silenzio e limati, con calibrati giochi di luci e di ombre, alla ricerca dell’essenzialità e della spiritualità…” Lo testimoniano i suoi cippi di Monte Sole, i crocefissi contorti dalla passione e dal dolore, i suoi presepi e i battisteri di alcune chiese.
Nel 1991 Giancarlo Fabbri scrissi su di lui un articolo per la rivista pianorese “Il Pun-to” e lo definì: “L’artista del silenzio”.
Nel 2008 se n’è andato in silenzio, quasi come avesse timore di disturbare…

richiedi informazioni

compila il form sottostante per ricevere informazioni dal nostro incaricato

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY